Denti sensibili: i trattamenti dopo un intervento parodontale

Denti sensibili: i trattamenti dopo un intervento parodontale

Denti sensibili nei pazienti parodontali: come programmare un corretto piano di cura domiciliare

Lo studio della parodontite ha permesso di individuare sintomi precoci e sintomi tardivi della malattia. Sintomi precoci sono alitosisanguinamentogonfiore gengivale e anche aumento delle sensibilità dentale quando si beve o si mangia.

sintomi tardivi sono più gravi: i denti diventano mobili e si formano diastemi (antiestetici spazi interprossimali), si forma la recessione gengivale e conseguente sensibilità dentale data da stimoli esterni tattili, termici, consumo di cibi o bevacaldi o freddi chimici). I denti sensibili devono essere considerati un campanello di allarme, dato probabilmente dall’esposizione della superficie radicolare.

Per programmare un corretto piano di cura del paziente, è fondamentale prendere in considerazione frequenti visite di controllo dall’odontoiatra, sottoporsi a sedute di igiene professionali, seguire corretti stili di vita che possano aumentare il rischio alla patologia, con particolare attenzione agli stili di vita di igiene domiciliare.

Denti sensibili e fattori di rischio dovuti a una scarsa igiene orale

Una delle cause principali della parodontite è la scarsa igiene orale domiciliare che provoca un’infezione batterica. I batteri che si depositano sui tessuti dento-parodontali sono la causa di processi cariosi e di infiammazioni gengivali.

Se la patologia viene trascurata le gengive si retraggono, i batteri proliferano e spesso l’infezione progredisce, con la possibilità che comprometta l’osso alveolare e che sviluppi la malattia parodontale. Nello stadio più avanzato si può arrivare anche alla caduta degli elementi dentali.

Come prevenire l’ipersensibilità dentale

La ricerca scientifica ha dimostrato come una corretta igiene orale aiuti il paziente a prevenire il problema. L’osservanza di semplici comportamenti può evitare l’insorgenza o l’aggravarsi del disturbo. 

Trascurare i denti sensibili potrebbe causare seri problemi di salute orale nel paziente, anche perché il dolore induce a spazzolare debolmente i denti, con il rischio di carie e gengiviti. 

È importante, dunque, la scelta di uno spazzolino ergonomico con setole efficaci e non lesive sui tessuti dento-parodontali che permettano di disorganizzare il biofilm batterico ed effettuare una corretta igiene orale salvaguardando la salute dello smalto e delle gengive. 

È importante completare l’igiene orale domiciliare con l’uso del filo interdentale o degli scovolini per disorganizzare il biofillm batterico e rimuovere i residui alimentari negli spazi interdentali.

Quali prodotti consigliare ai pazienti parodontali con denti sensibili?

prodotti a base di olio ozonizzato di Gemavip sono particolarmente efficaci per prevenire le patologie del cavo orale e rappresentano una soluzione anche per chi soffre di parodontite.

  • Il collutorio Ialozon rosa è adatto a tutta la famiglia, ed è indicato per un uso quotidiano. Contiene olio di oliva ozonizzato che ha funzione battericida, fungicida, antivirale e cicatrizzante, vitamina E, citrato di potassio che neutralizza gli acidi presenti nel cavo orale, l'acido ialuronico che ha un effetto cicatrizzante e idratante sulle mucose e preserva lo smalto dentale dalla demineralizzazione.
  • Il dentifricio Ialozon blu a base di cetil piridinio cloruro acido ialuronico, vitamina E, aloe vera e bicarbonato di sodio, offre una protezione completa, aiuta a mantenere in salute le gengive, rinforza lo smalto dei denti e contrasta la formazione della placca e delle carie.

 Contattaci per avere maggiori informazioni su tutta la linea Ialozon.

 



To Top